inGiappone

novembre 26, 2008

学校宣戦!日本対伊太利亜、第一部!

(Il titolo: Gakkou sensen! Nihon tai Itaria! Ovvero: “Guerra fra scuole! Giappone contro Italia! Immaginatelo pronunciato come i nomi degli episodi dei cartoni animati in giapponese, con un’enfasi che rasenta l’ingenuo, ed avrete afferato il concetto!)

lo so che non si capisce la reale grandezza, cioè dove inizi e dove termini, ma... di foto migliori per ora non ne ho!
una parte di scuola: lo so che non si capisce la reale grandezza, cioè dove inizi e dove termini, ma… di foto migliori per ora non ne ho!

Scrivendo un commento sul blog di Nicola, ho riflettuto sul nocciolo delle differenze fra scuola italiana e giapponese e, con un titolo scherzoso che rappresenta un po’il mio stato d’animo, pensavo di proporvele, dividendo il tutto per categorie.

Strutture:
Giappone stravince, l’Italia è così al tappeto che forse non si potrà rialzare per il prossimo round. In sintesi: le scuole giapponesi hanno un’edilizia estremamente codificata, che le rende tutte immediatamente riconoscibili dal resto degli edifici e che permette di capire il grado della scuola vedendo l’edificio (ci sono delle piccole differenze fra scuole elementari, medie e licei, ma non penso valga la pena addentrarsi nei dettagli). Di questo “format” replicato centinaia di volte sul territorio fanno parte: un orologione enorme fuori dalla scuola, che serve agli studenti per regolarsi su quando entrare; aule ragionevolmente ampie – senza fronzoli né spazio in eccesso, ma con lavagne e bacheche di dimensioni generose ed un orologio ed un proiettore con relativo schermo in ogni classe; palestra (sul blog di Nicola c’è un post approfondito) grande e ben attrezzata; laboratori di chimica, biologia e geologia; aula magna; aula computer; sala per lo studio delle lingue; campo da calcio/baseball ed un numero imprecisato di aule secondarie, in cui si tengono i club.
Il mio professore mi aveva detto che il 50% delle scuole giapponesi è stato costruito prima del 1975, e dunque con standard anti-terremoto che andrebbero revisionati, e che non ci sono i soldi per rimetterle a posto perché sono stati spesi alla fine degli anni’80 in ponti faraonici e mazzette da far sembrare Tangentopoli un’inezia: dunque, ho pensato, tutto sommato non stanno messi bene neanche qui. Tuttavia, leggendo i dati italiani, che parlano di inagibilità (si dice che in Giappone l’agibilità equivalga allo standard antiterremoto, ma effettivamente un conto è l’agibilità dello stabile in condizioni normali, un conto è in caso di terremoto: se già normalmente non sta in piedi…) per il 90% degli istituti, impianto elettrico risalente a prima del 1940 (millenovecentoquaranta! Parliamo di cavi di rame che sono sopravvisuti a Mussolini e ad una Guerra Mondiale!) per il 35% ed assenza della palestra per il 40%, non posso far altro che consegnare la palma della vittoria al meritevole vincitore.

Domani, più difficile: sull’insegnamento.

Ci sarà da divertirsi, fra luoghi comuni e non.

A presto!

Marco

ottobre 6, 2008

Kyoto, Kobe ed Osaka (2)

Ok, ci eravamo lasciati con me che, frastornato da tappe forzate ed orari impossibili – nonché meravigliato della libertà concessa ai miei coetanei giapponesi – tentavo di seguire i forsennati ritmi dei miei compagni di classe che trotterellavano allegri per le vie di Kyoto.

eccoci all'università di Kyoto per le lingue straniere... accecati dal sole che era appena uscito dopo il passaggio delle estreme propaggini del tifone 15

eccoci all'"Università di Kyoto per le lingue straniere", accecati dal sole appena uscito dopo il passaggio delle estreme propaggini del tifone 15

Questo tanto per far vedere che, sì, siamo andati DAVVERO a vedere le Università… solo in Giappone!

Comunque, questa aveva, oltre ad uno slogan in latino – “Pax mundi per linguas” – la cui traduzione mi ha fatto guadagnare la reputazione di “genio poliglotta” xD, tutte le attrezzature tecnologiche che ci si può aspettare da un’università giapponese: biblioteca informatizzata, sale computer multiple con ognuna caratteristiche diverse (tipo: una in cui i computer registrano la voce in TUTTI i formati, dal DVD alla cassetta da videocamera; una in cui si fanno i corsi di pronuncia col computer che ti corregge DOVE stai sbagliando mostrandoti un’animazione col movimento che devi fare per pronunciare correttamente, e così via…), porte automatiche, ascensori parlanti, washlet alla giapponese… insomma, non delude.

A proposito di delusioni, invece, parliamo dei templi. Già, i templi di Kyoto, i favolosi templi di Kyoto… beato chi li ha visti! Il mio gruppo (il glorioso “nana-han”, gruppo 7… in effetti, uso glorioso perché l’organizzazione di questi gruppetti – ed il modo in cui vengono chiamati durante l’appello – ha un che di militaresco) è andato al modesto-ma-dignitoso-ma-niente-di-più “Suzumushi-dera”. Ora, già il nome farebbe insospettire molti: “Tempio del grillo giapponese”.

sullo sfondo, il Suzumushi-dera

sullo sfondo, il Suzumushi-dera

Eccolo, in tutto il suo splendore: per carità, non è brutto, ma è… piccolo! Considerato che Kyoto pullula di templi, scegliere proprio questo qui mi è sembrato un po’contronatura, ma c’è un motivo: i miei compagni di classe hanno già visto tutti quelli più famosi durante il viaggio di quinta elementare ed ora, in secondo liceo, e non volevano tornarci perché “tanto l’abbiamo già visto”. Insomma, che ragionamento superficiale! Pensano che in 5 anni non sia cambiato il loro modo di vedere quei monumenti? Io penso di sì, ma non me la sentivo di forzare la mano, dunque ho lasciato fare a loro il programma. Tanto mi ci faccio portare portare a Novembre dalla mia host family, così faccio anche le foto alle foglie rosse e prendo due piccioni con una fava! 😛

Comunque, dal Suzumushi-dera abbiamo fatto un giro parabolico con 5 cambi di strada inclusi, per arrivare alla stazione del treno per Osaka, lo “Hankyu express”, che va notato per i suoi treni, con carrozze antiche simpaticissime, e tutte riverniciate ed ammodernate in maniera impeccabile.

lo Hankyuu Express

lo Hankyuu Express: notare la partenza, "Arashiyama", che è il posto del Suzumushi-dera, ed il fatto che - come spesso accade in questa strana landa - si sia fermato proprio all'altezza della linea apposita...

E questo trenino da film di Miyazaki ci ha portato fino al quartiere di Umeda (in effetti, non proprio questo:  quello che ci ha condotto era fisicamente un altro, ma dello stesso tipo).

Eccoci arrivati ad Osaka!
Il resto del viaggio, domani… ora si è fatto tardi, e mi godrò il mio bell’ofuro!

Oyasumi!

Marco

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.