inGiappone

dicembre 20, 2008

La scopa del rispetto

In Giappone, i bidelli non esistono: sono sempre gli alunni a pulire la scuola, e lo fanno in un modo che mi ricorda molto il celebre indovinello della Sfinge. Alle scuole elementari, infatti, i bimbi puliscono in ginocchio, passando stracci sul pavimento (in effetti, non so se sia così universalmente, ma fuziona così alla scuola del mio “host-cugino”); alle medie, sempre in ginocchio, ma con una scopetta; al liceo, invece, rivoluzione: si passa ad una vera e propria scopa. Senonché, non è una vera e propria scopa, ma – e ci mancherebbe altro: non solo hai l’onore di spazzare per terra ma poi vuoi anche stare dritto con la schiena? – una scopetta col manico monco, che ti costringe a chinarti per pulire… in questo senso:

[non me la carica… vabbè, immaginatemi curvo su una scopa (quasi) senza manico!]

Notare che io non sono particolarmente alto (hehe, come suonano bene le parafrasi alla giapponese!)…

Anche all’interno del “democratico” liceo, comunque, si osserva un ordine: i senpai, cioè i san-nen-sei (quelli che sono in terzo liceo, ovvero l’ultimo anno) puliscono le proprie aule (il che include svuotare i 5 cestini della raccolta differenziata) ed i corridoi davanti alle classi; i ni-nen-sei (ovvero i secondini, tra cui sono anche io) puliscono le proprie aule ed i corridoi antistanti, le aule dei professori, le scalinate interne ed i corridoi di connessione tra le parti della scuola; gli ichi-nen-sei (i primini) puliscono, oltre alle proprie aule e all’uscio della scuola, le aule comuni (tipo: biblioteca, aula di arte, aula computer, aula di scrittura, aula di commemorazione del centenario scolastico; e ce ne sono a non finire) e i bagni.

Un po’gerarchizzato, non vi pare?

Annunci

ottobre 22, 2008

Spiegazione dell’indovinello

Bene, l’indovinello e`stato risolto brillantemente da quasi tutti! Ora vi posto la spiegazione della schermata.

In alto a sinistra, c’e`scritto “洗濯情報” (sentaku jouhou), traducibile come “Informazioni sul bucato”; subito sotto, “あす” (asu), cioe`, “domani”.
A sinistra, invece, disegnati sulla mappa della prefettura di Nagano, sono indicate tramite disegnini della maglietta, un po’come si fa con le nuvolette o il sole durante il meteo normale, le probabilita`di asciugatura: in questo caso, sono eccellenti su tutta la prefettura, come si puo`notare, oltre al fatto che la maglietta sia asciutta, dalla scritta laterale “よく乾く” (yoku kawaku), cioe`”si asciuga bene”. Per finire, la striscia blu che compare sopra le magliette indica la citta`: la mia e`”飯田” (Iida), la piu`meridionale di tutte.

In Giappone, nonostante l’asciugatrice integrata nella lavatrice sia molto diffusa, cosi`come degli apparecchietti che emettono aria calda da una parte ed aria fredda dall’altra e servono per asciugare il bucato, si preferisce sempre far asciugare i panni al sole: dicono faccia bene alla salute, perche`il sole uccide i batteri. Chissa`!

Grazie per la partecipazione!

ottobre 14, 2008

questione di gusti

a tutti, un motivo idiota (ma non troppo!) per amare il Giappone:

74.12 Mbps sono quasi 10 MBps!!!!!!!!!!!!!!

74.12 Mbps sono quasi 10 MBps!!!!!!!!!!!!!!

Internet non è semplicemente veloce… è incredibilmente veloce. Con 10 MBps potrei scaricare un film in… un minuto. Se solo fosse legale…!

Blog su WordPress.com.