inGiappone

ottobre 5, 2008

Kyoto, Kobe ed Osaka

Ovvero: come visitare tre città e non capire nulla.

Esattamente come previsto guardando la massacrante agenda del viaggio – che prevedeva cose come alzataccia alle 3 e mezzo ed atterraggio nel letto a mezzanotte – questa “esperienza giapponese” è stata una vera e propria ammazzata.
Fra rincoglionimento da sonno arretrato, impossibilità di dormire in pullman (vietatissimo! Si doveva ascoltare la guida che spiegava i posti che avremmo visitato), scarso (o nullo) interesse verso le università di lingue straniere di Kyoto ed Osaka (…), massacranti tappe forzate (eh eh, mi è venuto da pensare ai “magnis itineribus” di Cesare…) da percorrere a piedi di corsa, questo viaggio mi ha insegnato diverse cose sul modo giapponese di intendere il viaggio scolastico.

Innanzitutto: pragmatismo. Non si fa di certo un viaggio SOLO per vedere qualche tempio (peraltro probabilmente già visto durante i viaggi scolastici delle medie): unendo l’utile al dilettevole, la classe si divide in gruppi di interesse e ciascun gruppo visita per conto suo l’università che vorrà scegliere. Io sono capitato fra le “università di lingue straniere”.
Il fatto che la classe sia divisa in 8 gruppi da 5 persone l’uno fa sì che non sia possibile andare tutti in pullman con gli insegnanti apprensivi, come si fa in Italia: ogni gruppo visita la città per conto suo, e l’appuntamento generale è ad un’ora prefissata in un’altra città (nello specifico, io parlo di Kyoto, visitata per conto nostro, e Kobe, dove ci siamo incontrati tutti all’hotel: le valigie sono state spedite col pullman generale, ma ogni gruppo è andato per conto suo con le varie linee di treno che connettono le due città – nel mio caso lo Hankyu express). Capite che svolta epocale? Libertà! Mentre nel nostro viaggio a Berlino a malapena si poteva uscire dall’hotel (anzi, non si poteva), qui si viaggia liberamente da una città ad un’altra!

Ora, devo andare ad un “tii paatii” (tea party) parascolastico… aggiorno il post (e metto qualche foto) quando torno!

Marco

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.