inGiappone

novembre 24, 2008

Soba fai-da-te!

Oggi avrei voluto scrivere un cupo post sui parchi di divertimenti abbandonati in Giappone, ma purtroppo sono di buon umore perché nevica, dunque sarà tutto rimandato! ^^

Bando alle ciance dunque: oggi si preparano i soba fatti a mano!
La mitica Yumoto-sensei, che è una professoressa d’inglese che avevo incontrato in Italia prima di partire, mi ha offerto una giornata con la sua famiglia: con tutta la famiglia, mi ha portato a visitare una diga progettata da suo marito (amo l’ingegneria, e le dighe in particolare…), poi per pranzo a mangiare soba (tagliolini giapponesi in brodo), poi a giocare con la Wii a casa sua (tutta la famiglia ha i propri avatar e, prima che io venissi, ne hanno creato uno anche per me! ^^) ed, infine, a mangiare sushi al kaiten. E’stata davvero una splendida giornata.

Eccoci alla diga (la figlia maggiore studia per lo “Shogakusei gakuryoku shiken”, ovvero uno degli innumerevoli esami che costellano la vita degli studenti elementari, dunque non c’è!). Per gli amanti dei dettagli di progettazione (ce ne sono?), è una diga a gravità in rocce, con riempimento interno in argilla. E’stata eletta fra le 100 dighe più belle del Giappone, dunque attorno ad essa sono nati negozietti, un centro informazioni, un giardino giapponese, gradinate per osservare la diga da entrambi i lati et similia, in stile tipicamente giapponese.

tutti alla diga!

tutti alla diga!

Dopo la visita della diga, ci siamo diretti verso il pranzo in un ristorante di soba, dove, me ignaro, ci saremmo preparati da soli i soba… in effetti, la mia faccia – ero già affamato e mi accingevo a gustare il mio delizioso pranzetto – è abbastanza eloquente:

ma... ce li dobbiamo preparare noi? xD

"ma... ce li dobbiamo preparare noi?" xD

Alla fine è stato davvero divertente! Prepararli non è nemmeno così difficile: si parte dalla farina di soba, che è di due tipi diversi e viene dal frutto della pianta del soba, che è fatto così:

i triangolari frutti della pianta del soba

i triangolari frutti della pianta del soba

Al frutto triangolare, da un apposito macchinario, viene tolta la punta, che diventa la farina che vedete, nella seconda foto, a sinistra, più ruvida al tatto; successivamente, il resto viene divisto a metà da un’altra macchina, e, macinando i semi che si trovano all’interno, si fa la farina, morbida, che vedete a destra nella stessa foto. C’è anche una terza farina, che è quella di grano tenero, e che probabilmente conoscete tutti, dunque vi risparmio la sua foto!

La farina di soba morbida e quella di grano tenero si mescolano in proporzioni variabili (più grano c’è e più i soba saranno teneri), si uniforma la superficie dell’impasto e poi si versa dell’acqua calda dal centro verso l’esterno, disegnando una spirale che raggiungerà, come massima ampiezza, il 70% del diametro interno del recipiente.

fino al 70% del diametro del recipiente... guai a voi se arrivate al 71!

fino al 70% del diametro del recipiente... guai a voi se arrivate al 71!

Si porta dunque la farina dai bordi verso l’interno, per evitare di bruciarsi con l’acqua bollente, e si ripete il processo. Si ottiene così una pasta piuttosto appiccicosa, che si mischia energicamente con le mani, stando attenti a toccare il tutto con i soli palmi della mano, per evitare che entri aria nell’impasto. Per evitare che si incolli sul tavolo, si usa la farina di soba di seconda scelta.

mescolare energicamente molte volte...

mescolare energicamente molte volte...

Successivamente, si stende l’impasto sul tavolo con una tecnica particolare, che prevede che le mani scorrano sul mattarello a volte dall’esterno verso l’interno ed a volte dall’interno verso l’esterno:

notare che l impasto dovrebbe essere perfettamente quadrato!

notare che l'impasto dovrebbe essere perfettamente quadrato (ed in effetti, previo intervento dell'istruttrice, lo diventerà!

In questo modo, diventerà esattamente quadrato, e potrà essere ripiegato diverse volte e poi tagliato. Tutto questo serve a fare in modo che i soba diventino il più lunghi possibile: aspirandoli rumorosamente, alla maniera giapponese, più sono lunghi e meglio è.

il delicato momento del taglio

il delicato momento del taglio

Tagliare i tagliolini non è affatto facile: sembrano piuttosto larghi, ma in effetti sono sottilissimi, e tagliarli tutti larghi uguali è un’impresa da vero sobaiolo professionista, ed in effetti a noi sono venuti tutti “bara bara” (spaiati).

Alla fine, il risultato è questo:

ecco i nostri (imperfetti ma) deliziosi soba!

ecco i nostri (imperfetti ma) deliziosi soba!

Itadakimaaaaaaaasu!

Advertisements

17 commenti »

  1. Bellissima esperienza, faticosa, ma credo ne sia valsa la pena…la farina di soba credo da noi si chiami di grano saraceno, o comunque è una cosa molto simile. Anche per fare le nostre tagliatelle si fa la stessa cosa con le mani sul mattarello, serve per fare in modo che la pasta abbia tutta lo stesso spessore! Ho visto mia nonna all’opera centinaia di volte…solo che da noi la pasta si stende facendo in modo che diventi un cerchio e non un quadrato (questa è poi anche la differenza tra noi e loro, non ti pare ^_^?).

    Un bacio,
    B.

    Commento di bunny — novembre 24, 2008 @ 11:38 pm

  2. Che spettacolo! Adesso che hai imparato queste tecniche avanzate mi sa che anche quando tornerai a casa la pasta fresca sarà affar tuo…
    In effetti è un’arte, soprattutto stenderla a mattarello e non con la macchinetta.
    Bravo!
    Però scusa se a uno vengono male salta il pasto?

    Commento di cinciamogia — novembre 25, 2008 @ 6:35 am

  3. che invidia…sembrano assolutamente invitanti!
    (Serena adesso vuole un mattarello…ma se ne prende uno forse non lo userà per stendere la pasta ma per un uso molto meno lecito :P)

    Commento di Serena — novembre 25, 2008 @ 10:14 am

  4. che belle foto, paesaggi ed esperienza marco! certo che la foto in cui versi la tua razione di acqua calda sembra prorpio da spot della mulino bianco!
    ma come fai a mettere le foto cosi´grandi? le mie vengono cosi´piccoline e bruttine!!
    baci carlotta

    Commento di carlotta — novembre 25, 2008 @ 4:50 pm

  5. heeey, it finally snowed here as well and I almost fell into the river because the street was so wet and when I had to go to the right aling the river I almost fell…haha!
    yeah, it’s fucking cold everywhere and we have those machines (kind of airconditioner) who only blow warm air and when you switch’em off it’s cold again after ten minutes. at school we’re finally allowed to use the “stove” but it’s far far away from where I sit in the classroom -.-
    we had a big soba-family-party as well. it was really fun!
    well, take care, okay?! and by the way: cute epron you’re wearing. orange fits you!^^haha!

    sarah

    Commento di sarah — novembre 25, 2008 @ 5:51 pm

  6. Carissimo se ti piace l’ingegneria devi fare il tour “Visita + Camminata” al ponte sospesa di Oita -> http://viruz82.blogspot.com/2007/09/il-ponte-sospeso-di-oita.html

    Meraviglioso e pauroso allo stesso tempo.
    Se vuoi informazioni precise sull’ubicazione chiedo a mio sucero che mi ci ha portato ^^

    P.S. Complimenti per il soba, sembra buonissimo! Io e te ci dobbiamo incontrare appena torno in Giappone!

    Commento di Mario — novembre 26, 2008 @ 10:52 pm

  7. Pardon per il commento doppio, errore di WordPress (>_<)

    Tagliane pure uno senza problemi ^^

    Commento di Mario — novembre 26, 2008 @ 10:58 pm

  8. Hello Marco ^p^
    Cooking times seem to be nice over there too ^^
    This reminds me of a certain photo, see what I’m talking about XD?

    And as Sarah said orange does really suit you ^p^

    Commento di Yohan — dicembre 4, 2008 @ 6:07 pm

  9. Che bella esperienza! La tua insegnante e la sua famiglia devono essere delle persone fantastiche! Io adoro la soba, anche tagliata male!!

    Commento di Nicola — dicembre 12, 2008 @ 10:19 am

  10. Sì, la mia insegnante di inglese è una persona davvero speciale!!! ^O^ Effettivamente, la soba era buona, ma… tutti quei mini rimasugli sono stati difficili da mangiare! xD Se vuoi, un po’di soba istantanei te li porti… io adoro quelli alla tempura del “Midori no tanuki” (il tanuki verde), che, visto il tuo rapporto con i tanuki, penso ti piacciano!!
    (^_^)

    Commento di marco — dicembre 12, 2008 @ 9:50 pm

  11. haha!! I tanuki, mi continuano a perseguitare! Ma me la magno lo stesso!!

    Commento di nicola — dicembre 15, 2008 @ 12:53 am

  12. mi è venuta voglia di farli anch’io 🙂

    auguri a tutti

    Commento di Luca — dicembre 26, 2008 @ 10:57 pm

  13. Io queste cose le metto apposta! 😛

    Commento di marco — dicembre 27, 2008 @ 9:25 pm

  14. Everything is very open with a really clear description
    of the issues. It was really informative. Your site is useful.
    Many thanks for sharing!

    Commento di tony horton's 10 minute trainer — maggio 25, 2013 @ 9:12 pm

  15. There are numerous kinds of wedding rings available nowadays and a few of these rings for men can really
    give you a high style expression. From this time onwards,
    the claddagh ring began to build its international profile.
    However, you need to look at the person and promise before deciding on the type of ring you want
    to exchange.

    Commento di promise rings in stores — giugno 2, 2013 @ 10:42 am

  16. excellent post, very informative. I ponder why the other experts of this sector do
    not realize this. You must proceed your writing.
    I’m confident, you have a great readers’ base already!

    Commento di big gaping holes — luglio 3, 2013 @ 12:22 pm

  17. Thanks for finally writing about >Soba fai-da-te! | inGiappone <Loved it!

    Commento di crossfit classes — aprile 5, 2014 @ 7:31 pm


RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: